Tradizione del Lazio

  

!
!

 

L'infiorata (Genzano di Roma) - Giugno

L'infiorata è la più antica e famosa festa del Lazio, si svolge a Genzano di Roma
dove l'intera cittadinanza lavora per realizzare lo splendido tappeto di petali
di fiori per la processione del Corpus Domini.
La prima infiorata fu fatta in Vaticani il 29 giugno 1625 per la festa di
San Pietro e Paolo, si narra di uno splendido tappeto di fiori con cui
venivano riprodotte immagini sacre ed altro.
Ritornando all'infiorata di Genzano, tutto si svolge dalle otte del mattino
dove più di duecento persone si mettono all'opera per realizzare il
magnifico tappeto, iniziando nel disegnare l'opera per poi colorarla
con i fiori, i quadri vengono tenuti intatti per due giorni, l'ultima sera
avviene lo "spallamento" da parte di bambini.
!
 
Sagra della Porchetta (Ariccia) - Settembre 
 
La porchetta ha reso Ariccia famosa in tutto il mondo.
Questa sagra sembra risalga a 26 secoli fa.
Si racconta che la nascita del prelibato cibo sia nata dalla necessità
di eliminare la gran quantità di maiali che il Principe Agostino Chigi
aveva fatto pascolare nel suo splendido parco di Palazzo Chigi.
La maestria nel preparare in modo così gustoso le carni di maiale
è un'esclusiva di poche famiglie ariccine i cui componenti della
ricetta si tramandano di padre in figlio, il segreto è nella preparazione
ma anche un'accurata selezione dei maiali che per diventare
porchetta devono avere delle caratteristiche particolari.
Si dice che tra i piatti prefetiti da Nerone ci fosse proprio la porchetta.
!
 
Sagra dell'Uva (Marino) - Settembre/Ottobre
 

La sagra dell'uva di Marino si svolge da ben 80 anni.
Le origini risalgono addirittura al 7 ottobre 1571 quando il nobile
Marcantonio Colonna ritorna a casa vincitore dalla battaglia di
Lepanto contro i Turchi, nello stesso giorno si svolge anche la
processione a Nostra Signora del Rosario, questa coincidenza
porta Papa Pio V ad attribuire la vittoria all'intercessione della
Madonna. La festa della Sagra dell'Uva viene ideata da Leone
Ciprelli poeta e drammaturgo di origi marinesi nel 1925.
La festa si svolge nelle vie del centro, si apre con la solenne
processione dedicata alla Madonna del Rosario al mattino
per poi continuare in pomeriggio con la sfilata storica con
abiti rinascimentali, ma il tema principale è sempre il Vino il
quale inizia a sgorgare dalle fontane in sostituzione dell'acqua
dopo l'avvenuta consegna delle chiavi della città all'eroe
Marcantonio Colonna, inoltre vi è la distribuzione di
grappoli d'uva.
!
 
Sagra delle Fragole (Nemi) - Giugno
 
La fragola veniva chiamata dai Romani fragrans, in omaggio
al suo intenso profumo.
Sulle tavole dell'antica Roma questo frutto compariva in
coincidenza con le feste in onore di Adone, alla morte del quale
come narra la leggenda, Venere pianse copiose lacrime, che
giunte sulla terra si trasformarono in piccoli cuori rossi: le fragole.
I primi cenni storici risalgono al 1922, ma esiste un'incisione di
Bartolomeo Pinelli fatta un secolo prima, in cui è raffigurato
il trionfo delle fragole nel Pantheon.
Sembra che questa festa sia collegata alla sagra delle fragole
di Roma che si svolgeva il 13 giugno il giorno di S.Antonio da Padova
le cui fragole provenivano dalle coltivazioni di Nemi.
Questa sagra venne abolita quando il Papa si rinchiuse in Vaticano
con l'arrivo dei Savoia nel 1870 e, Roma entrò in lutto.
Si pensa che per questo evento la sagra venne spostata a Nemi
dai coltivatori di fragole, oppure potrebbe essere legata agli antichi
riti di ringraziamento per la raccolta.
Nella sagra del 2000 Nemi ha conseguito il Guinnes dei primati
per la coppa di fragole più grande del mondo.