©1999 by www.publicitysrl.com

Proudly created with Wix.com

'Na gita a li Castelli - Franco Silvestri 1926 

 

Guarda che sole ch'è sortito Nannì 

che profumo de rose de garofani e pansè. 

Come tutto un paradiso li Castelli sò accosì. 

Guarda Frascati ch'è tutto un sorriso 

'na delizia, n'amore, 'na bellezza da incantà. 

 

Lo vedi ecco Marino la sagra c'è dell'uva 

fontane che danno vino quant'abbondanza c'è. 

Appresso vi è Genzano cor pittoresco Albano

su viett'à divertì Nannì Nannì.

Là c'è l'Ariccia più giù c'è Castello

ch'è davvero un gioiello cò quel lago da incantà.

E de fravole 'n profumo solo a Nemi poi sentì.

Sotto quel lago un mistero ce sta

de Tibberio le navi con l'antica civiltà.

So meyo de la sciampagna li vini de 'ste vigne

ce fanno la cuccagna dar tempo de Noè.

Li prati a tutto spiano sò frutte, vigne e grano

s'annamo a mette lì Nannì, Nannì.

E' sera e già le stelle te fanno un manto d'oro

 e le velletranelle se mettono a cantà 

 se sente 'no stornello risponde un ritornello 

 che coro viè a sentì Nannì, Nannì.  

   

  

   

La società de li Magnaccioni 

  

 Fatece largo che passamo noi, li giovenotti de 'sta Roma bella 

 Semo regazzi fatti cor pennello, e le regazze famo innamorà 

e le regazze famo innamorà.

   

 Ma che ce frega, ma che ce 'mporta, si l'oste ar vino cià messo l'acqua  

 E noi je dimo, e noi je famo, "Ciai messo l'acqua e nun te pagamo" 

 Ma però noi semo quelli, che j'arisponnemo 'n coro  

 "Evviva er vino de li Castelli e de 'sta zozza società".  

   

 Ce piaceno li polli, l'abbacchi e le galline 

 Perchè sò senza spine, nun sò com'er baccalà. 

 La società de li magnaccioni, la società de la gioventù  

 A noi cepiace de magna e beve, e nun ce piace de lavorà.  

  

 E si pè caso la sòcera mòre, se famo dù spaghetti amatriciani 

 Appreso un par de doppi frascatini, s'imbriacamo e 'n ce penzamo più 

 s'imbriacamo e 'n ce penzamo più,  

 

 Che ciarifrega, che ciarimporta, si l'oste ar vino cià messo l'acqua 

 E noi je dimo, e noi je famo "Ciai messo l'acqua e nun te pagamo" 

 Ma però noi semo quelli, che j'arisponnemo 'n coro  

 "Evviva er vino de li Castelli e de 'sta zozza società".  

  

 Le nostre donne poi, nun beveno mai vino, ma stanno ar tavolino, te fanno svergognà. 

 Se scoleno li litri, li fiaschi e li boccioni, e da sti paciocconi se li fanno pagà. 

La società de li magnaccioni, la società de la gioventù  

A noi cepiace de magna e beve, e nun ce piace de lavorà.  

 

E si pè caso viè er padron de casa, de botto lui te chiede la piggione 

Ma noi j'arisponnemo: "A sor fregone, T'àmo pagato e 'n te pagamo più 

 T'àmo pagato e 'n te pagamo più". 

  

 Che ciarifrega, che ciarimporta, si l'oste ar vino cià messo l'acqua 

 E noi je dimo, e noi je famo "Ciai messo l'acqua e nun te pagamo" 

 Ma però noi semo quelli, che j'arisponnemo 'n coro  

 "Evviva er vino de li Castelli e de 'sta zozza società".  

  

 Ce piaceno li polli, l'abbacchi e le galline 

 Perchè sò senza spine, nun sò com'er baccalà. 

 La società de li magnaccioni, la società de la gioventù  

 A noi cepiace de magna e beve, e nun ce piace de lavorà.  

  

 Pòrtece 'n'antro litro, che noi se lo bevemo 

 E poi j'arisponnemo, "Embè? mbè? Che c'è?" 

 E quanno er vino 'mbè, ciariva ar gozzo 'mbè 

 Ar gargarozzo 'mbè, ce fa 'n ficozzo 'mbè 

 Pè falla corta, pè falla breve 

 Noi dimo all'oste: "Portece da beve!". 

  

  

  

Tanto pè cantà - 1932

  

 (Parlato) 

 E' Nà canzone senza titolo, tanto pè cantà, pè fà 

 quarche cosa, nun è gnentede straordinario, è 

 robba der paese nostro, che se pò canta puro senza voce 

 basta 'a salute. 

 Quanno c'è 'a salute c'è tutto.  

 Basta 'a salute e 'n par de scarpe nòve, pòi girà tutt'er monno. 

 E m'accompagno da me. 

  

 Pè fa la vita meno amara, me sò comprao 'sta chitara; 

 E quann'er sole scende e more, me sento 'n còre cantatore; 

 La voce è poca ma 'ntonata, nun serve a fà la serenata; 

 Ma solamente a fà in magnera, de famme un sogno aprima sera. 

  

 Tanto pè cantà, perchè me sento 'n friccico ner còre; 

 Tanto pè sognà, perchè ner petto me ce naschi 'n fiore; 

 Fiore de lillà, che m'ariporti verso er primo amore; 

 Che sospirava a le canzoni mie, e m'arintontoniva de bucìe. 

  

 Canzoni belle e appassionate, che Roma mia m'ha ricordate; 

 Cantate solo pè dispetto, ma cò'na smania drent'ar petto; 

 Io nun ve canto a voce piena, ma tutta l'anima è serena; 

 E quanno er cèlo se scolora, de me nessuna s'innamora. 

  

 Tanto pè cantà, perchè me sento 'n friccico ner còre; 

 Tanto pè sognà, perchè ner petto me ce naschi 'n fiore; 

 Fiore de lillà, che m'ariporti verso er primo amore; 

 Che sospirava a le canzoni mie, e m'arintontoniva de bucìe.

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now